mercoledì 26 gennaio 2011

The Key-Berlin_Gennaio 2011

Sono stata a The Key, Berlino, durante la settimana della moda. Sostanzialmente una fiera della moda critica, sostenibile e green. Sinceramente la maggior parte dei brand erano molto basic e già visti. Ma c'era anche qualcosa di incredibile.

Vitor, designer portoghese d'avanguardia. Si definisce più un artista che un fashion designer e ha all'attivo anche una patnership con Adidas. Il suo approccio è ovviamente concettuale: la maglietta con i lacci delle scarpe...
http://vitor.com.pt/


Anita Steinwidder, una designer viennese che avrei volentieri anche fotografato perchè sembrava uscita da un film di Bergman. Suo questo vestito da 7kg fatto di tshirt strappate... L'ho trovato pazzesco. Sul suo sito non ci sono ancora le foto dell'autunno/inverno, e sostanzialmente lei non ama troppo i colori chiari. Dice di essere ispirata quasi sempre da grigio e nero. La maggior parte dei suoi abiti sono realizzati con calze.
http://steinwidder.com/


Da meditazione alcuni pezzi di Yoj, marchio tra l'altro milanese (c'erano in tutto quattro italiani!). Tutto il procedimento di creazione dell'abito, compresa la colorazione, è realizzato a mano. I colori possono variare. Hanno collaborato tra l'altro per una edizione limitata con l'artista Franco Gervasio (ultimi due).
http://yojbio.com/



KM/a fa cappotti da vecchie coperte dell'esercito tedesco e giacche da vecchi paracadute. Non vedo molta linearità tra i due pezzi ma mi piacciono. In senso astratto. Ma non li metterei. Certe cose, comunque, bisogna saperle portare... Un ragazzo ha comprato il cappotto seduta stante e l'ha messo ed era fantastico.
http://kmamode.com/


Infine per chi si sente un po' Helena Bohnam Carter in un film di Tim Burton quando ancora era una persona seria...... Ricic-Labò assembla scarti tessili industriali e vestiti vintage in vestiti che praticamente sono quasi sempre unici, visto che i materiali spesso cambiano. Sul sito mancano dei pezzi, e in particolare i miei preferiti, cioè le gonne (infatti ho una loro gonna). Ma ci accontentiamo dei vestiti. Ah, sì, le foto le ho fatte io =) (e le ho dovute scaricare da internet perchè ce le ho su un altro computer ._: bah.)
http://riciclabo.jimdo.com/


Avrei tanto voluto conoscere di persona Ada Zanditon, ma aveva solo dei manichini messi lì con tre vestiti e il press release. C'erano questi pezzi la cui ispirazione sono le piramidi, infatti la collezione si chiama The Pyramora. Ce n'era anche uno di una maglina orribile stretch che non ho capito. Sono veramente tridimensionali. Va beh che comunque qualche anno fa un signore di nome Hussein Chalayan... Lasciamo stare, dai, facciamo finta di niente.
http://www.adaz.co.uk/index.html


Mi piacevano anche http://isabelldehillerin.com/ e http://www.camillanorrback.com/
ma non ho trovato foto di questa collezione per mostrare quello che avevo visto di persona e quindi ho preferito evitare.

1 commento:

Piperita Patty ha detto...

Che belle le tue foto, WOW