mercoledì 28 luglio 2010

Asmara, ristorante etiope a Milano

http://www.ristoranteasmara.it/

Zona porta Venezia, facilmente accessibile, un posto dagli arredamenti un po' coloniali e un po' casuali, un menù di circa tre pagine dove quasi tutto è scritto per la maggior parte con termini originali in lingua, una signora moltomolto simpatica che sembra Zhang Huan mentre dice che Buddha è tutti noi, lo chef che porta le pietanze di persona al tavolo.

Sapori a noi lontani e quasi inestricabili, antipasto misto a tratti fantastico e comunque molto light, di secondo ho preso macinato quasi crudo (e io aborro di solito la carne cruda) con "burro speciale" ed altre verdure di condimento. Da accompagnare con uno strano pane spugnoso che fa anche da piatto ai secondi (in realtà i primi non ci sono) che su Sale e Pepe veniva definito crèpe marocchina. Particolare. Nessuno spazio per il dolce.

Non costa molto. Ero pienissima con solo queste due cose.
Lo frequentano anche i connazionali: buon segno, direi.

(Il classico dei cinesi sui ristoranti cinesi: noi non mangiamo come nei ristoranti cinesi per voi occidentali).

Canzoni a loop molto romantiche e un po' etnico-pop. Sì, ci voleva la sparata finale. Embè.

1 commento:

Piperita Patty ha detto...

L'ho provato anch'io e mi è piaciuto. Il pane spugnoso si chama angerà. Invece io di pietanza avevo preso la carne cotta, ma la carne cruda invece a me piace di più, sapendo che esiste e che è buona la proverò!